martedì 26 ottobre 2010

(Continua)


"Anche Maradona sbagliava i rigori".
È questo che mi dico quando inciampo in qualche infortunio professionale.
Ricordo ancora la volta che ho tradotto sylicon con silicone. O la volta in cui ho ricicciato lettere di lettori Made in Usa per la posta di Superman. O la volta in cui ho promesso a Bottero Editore un libello che non ho mai avuto tempo di scrivere.
Insomma, nella vita ogni tanto una cazzata capita.
L'importante è rimediare, se possibile.
Il che ci porta a due post fa, e alla fine (presunta da piano editoriale ahimé sorpassato) della Collezione storica a colori di Tex. Come mi hanno fatto notare nei commenti al post, poche settimane fa è arrivato il contrordine: causa vendite ottime/abbondanti, si prosegue a spada tratta.
Per farmi perdonare, ho chiesto lumi direttamente alla fonte, dove stanno ancora tentando di trovare la quadra fra business e giuste esigenze di programmazione (leggi: replay value delle storie più recenti/prossimità con il materiale inedito/saturazione del mercato). Fra le ipotesi allo studio c'è anche quella di una periodicità più diluita: potrebbe essere una soluzione ideale, soprattutto per quei lettori che faticano a star dietro ai sei euro e novanta della ristampa settimanale.

E che presto dovranno guardare con occhi nuovi la copertina qui sopra.

3 commenti:

Ranald ha detto...

Che poi a dirla tutta si scrive silicon, senza y. :P

Andrea V. ha detto...

Il lupo perde il pelo ma non il vizio.

Andrea V. ha detto...

Scriverò sulla lavagna 100 volte: "silicon si traduce silicio". "Silicon si traduce silicio". "Silicon si traduce silicio"."Silicon si traduce silicio"."Silicon si traduce silicio". "Silicon..." ho reso l'idea? :asd: