martedì 28 ottobre 2014

El drito

Old School

Se ne va anche Antonio Terenghi. Più Drito di così si muore, appunto.

venerdì 24 ottobre 2014

guarda che rock

Fra Rockwell e Tamburini
È uscito.
Il libro che racconta la storia di Hypgnosis, la fucina di idee che fra gli Anni 70 e gli Anni 80 ha convinto tanti piselli ad ascoltare i dischi in uscita già in vetrina, a berseli prima con gli occhi che con le orecchie. Storm Thorgerson, Aubrey Powell e Peter Christopherson. Un grafico, un fotografo e un factotum con tante idee che la metà sarebbero bastate, e i budget per realizzarle, perché ai tempi una Cover poteva arrivare a costare decine di migliaia di euro, a patto di portarne a casa milioni. E così sono nati il prisma di The Dark Side of the Moon, i mondi alieni degli Zep di Houses of the Holy, i bianchi e neri stranianti di The Lamb Lies Down on Broadway dei Genesis e decine di altre cover ironiche, rarefatte, assolutamente magiche. Un moderno vaudeville nato a partire dalle tele di Magritte, dagli eccessi spesso molto consapevoli della Londra di Syd Barrett e da un incontestabile talento per un ready made tutto fatto a mano, ma già capace di anticipare le raffinatezze delle odierne Creative Suites.
Un libro di quelli che non ci son santi, bisogna proprio averli in casa. Tutte le info, qui.

mercoledì 22 ottobre 2014

Eroina



Adieu, Lilli. Unica, irripetibile varesotta sexy della storia naturale.

venerdì 17 ottobre 2014

Pugaciuff

Se n'è andato anche l'altro papà di Tiramolla, Cucciolo e il mitico luposki della steppa Pugacioff: formidabili quegli albi.

giovedì 16 ottobre 2014

Sentinelle, in piedi

Ostia!
Nel 1926, Il presidente messicano Plutarco Elias Calles emana la riforma del codice penale.
Sembra un colpo di spugna volto a raffreddare la crosta di un Paese uscito dalla Revoluciòn con le ossa a pezzi. Ma Calles è anche ferocemente anticlericale, tanto da essersi guadagnato il soprannome di "El Turco" per le proprie posizioni. Così, fra le pieghe del nuovo codice, nasconde una serie di divieti su misura per le tonache: vietate le messe, vietati i sacramenti, vietate le immagini sacre come quella, iconica, della "Virgencita".

In alcuni stati, la legge passa senza intoppi. In altri, no. È il caso dello stato di Jalisco, stato agricolo per eccellenza e una delle culle del cattolicesimo messicano. Qui, la Chiesa si fa carboneria, con battesimi e funerali celebrati di nascosto, nelle case o nei ranchos fuori città. E quando la reazione esplode, trasformando sacerdoti e fedeli in bersagli, i buoni cristiani prendono le armi e scatenano una guerriglia destinata a protrarsi per quattro anni. 

Per inciso - e qui sta il busillis - l'unica crociata mai condotta al di fuori della Terra santa.
Storie epiche, quelle della rebeldia cristera (ma a Tepatitlan de Morelos, epicentro dello scontro, mai definirla rebeldia: si incazzano di brutto). 

Storie epiche, si diceva. C'è quella di Victoriano Ramirez detto "El Catorce", brigante, piatolero, dongiovanni, tradito per aver fatto ombra a un leader della rebeldia e fucilato senza troppi complimenti; quella del generale Gorostieta, raro caso di cristero ateo morto in un'ultima, epica battaglia a pochi giorni dalla fine delle ostilità; c'è quella di Tepatitlan De Morelos, dove un platano seccato per motivi misteriosi ricorda che proprio lì fu impiccato un sacerdote con una bella faccia india; e in mezzo, ci sono storie più sordide, da quelle dei gringos, decisi a raffreddare gli animi perché la guerra fa male al business, a quella del Vaticano di Pio XII, ça va sans dire inorridito dall'ossimoro dei preti combattenti.
Materiali difficili da approcciare e gestire filmicamente. Che però, nelle mani di uno sceneggiatore e un regista di vaglia avrebbero potuto brillare di luce propria: per dire, Mission di Roland Joffe, tormenti ed estasi, avventura e realpolitik, la sublimazione della carne, la bella morte… Niente di tutto questo in Cristiada di Dean Wright, ex responsabile degli effetti speciali di un tot di blockbuster recenti. 
Piuttosto, una prosecuzione di La passione di Cristo di Gibson con altri mezzi, con begli attori come Oscar Isaac e Andy Garcia convertiti presto e bene, cristeros tutti in odor di santità e dorados tutti cattivissimi. 

Un western da sentinelle in piedi con vista sul martirio, ineccepibile nella forma ma manicheo fino al grottesco nella sostanza, e spesso piuttosto disinvolto nel piegare la realtà storica alle esigenze della buona novella. Un curioso oggetto filmico distribuito ben sua anni dopo la "prima" in Vaticano per mancanza di candidati, da osservare a debita distanza, come tutti i bei brutti film che si rispettino.

mercoledì 15 ottobre 2014

martedì 7 ottobre 2014

Primizie di stagione


Ivo Milazzo, Enrique Breccia, Peppe De Nardo e Daniele Bigliardo. E poi il regista Alessandro Rak, autore del lungometraggio MAD Entertainment L'arte della felicità, e l’animatrice giapponese Fusako Yusaki, firma dei leggendari spot Fernet Branca con la plastilina. E ancora il giornalista Vito Foderà, l'ex Bluvertigo Andy e un numero speciale di Dylan Dog ambientato a Cosenza… È davvero ricco il menu di Le strade del paesaggio, appuntamento autunnale dedicato al fumetto e all'animazione in programma dal 10 al 26 ottobre nel capoluogo calabro. Una buona scusa per passare da quelle parti, prima di andare a Lucca. Tutti i dettagli qui.