martedì 27 dicembre 2011

E in tempi di Real Life Super Heroes...



Uno come Danny Trejo fa la sua porca figura.
Cazzo, io me lo trovassi di fronte così sui due piedi smetterei di delinquere all'istante.
Qui tutto sui Real Life Super Heroes.

4 commenti:

illustrAutori ha detto...

oggi su Repubblica (di carta) c'è una pagina sulla cosa... rivaluteremo Kick-Ass, o continuiamo ad accusare gli amministratori di ogni paese per lasciare a sé stesse le città?

CREPASCOLO ha detto...

SO perchè hai scelto proprio questo momento per tirare in ballo Buttero Bill. Considerato che il gatto è fuori dal sacco, perchè dovrei stare zitto io ?

Grant Morrison ha dichiarato di esser interessato ad un rilancio di Wonder Woman che riporti il personaggio alle origini. Ricordiamo agli ospiti + giovani che il papà di Diana - William Moulton Marston - aveva partecipato alle prime sperimentaz sul lie detector ( una macchina, non Tim Roth ).
Mamma DC si fida, ma fino ad un certo punto, del tizio per la cui capoccia viaggiano cose come The Filth e Kill Your Boyfriend, quindi ha deciso per una miniserie fuori continuity, una cosa come All-Star etc.
La trama in sintesi: Diana Prince è una trentenne disoccupata e sovrappeso innamorata persa di un reduce male in arnese che sonnecchia notte e dì dietro il bancone di una tavola calda. Al crepuscolo, la ragazza si assopisce con il musetto tuffato in una scodella di corn-flakes dietetici e sogna di essere una amazzone arrivata nella Grande Mela per riportare alla civiltà
( qualsiasi posto dove ci sia almeno uno Starbuck's , se lo chiedete a me ) Steve Trevor,
un aviatore che si era perso mentre cercava la location di un reality. Negli USA, Steve beve un goccio di cappuccino alla cannella - catartico, lo so bene, come un lazo magico - e ricorda di esser stato un notaio capace di far pagare una autentica il corrispettivo di dieci euri e settanta centesimi - tariffa da
20mo secolo - così che gli dei dell'Olimpo lo avevano condannato ad una catarsi siccome fan di tv shows fino a che non fosse stato in grado di farsi pagare 500 dollari per una consulenza di mezz'ora senza cambiare tono o espressione.
Steve avrà il faccino di Trejo.
Disegni di Arthur de Pins.
Non vedo l'ora di leggerlo.

Andrea V. ha detto...

Trejo disegnato da De Pins? Compro.

CREPASCOLO ha detto...

Secondo me quel 50 % del mercato ha cotonato i riccioli sulla capoccia di Mamma DC.
Il 2012 sarà ripieno di roba che esce dagli schemi e, forse, di carreggiata. Di seguito la inevitabile sintesi:
1) Danny The Man-Ace and the Outcasts from Mars: un altro clone di Trejo, ma con i riccioli cotonati del Luthor di Jon Bogdanove, è il leader di una posse di freaks alieni che si fidano ciecamente di lui, ma fanno malissimo perchè intende impiegarli come carne da cannone per FX a basso costo nel prossimo A-Team. Testi di Arcudi, disegni di Mauro Padovani. In b/n.
2) Terrific Perry : un notaio avido è condannato a prendere il posto di Darkseid. Non è mai stato meglio. I parademoni si organizzano in posse per lanciarlo nello spazio profondo, ma l'osso è duro da rosicare. Testi di Dave Letterman e disegni di Makkox.
3) Treevengers: the Floronic Man è il manager di una band il cui frontman si lava i denti con lo scotch come quel tale che cantava nella colonnna sonora di Orange County. A spasso per gli USA si imbattono in tutte le idee che Milligan non ha fatto in tempo ad appiopparci con il suo Human Target. Testi di Milligan
( sorpresa ! ) e disegni di Jamie Hewlett .
La RW parte in punta di piedi e dubito che vedremo questa roba durante il governo Monti, ma non si sa mai.