martedì 5 luglio 2011

Cielo, ancora gli alieni


Come The Walking Dead, con gli alieni al posto degli zombie.
Sorprendenza al minimo sindacale, altro che District 9 e compagnia cantante.
I poliponi sono pari pari quelli di Emmerich, le astronavone incombenti pure.
Poca azione e quella poca abbastanza meh. Abbondanti citazioni da La guerra dei mondi a Jurassic Park Predator L'uomo del giorno dopo e Terminator. Personaggi da manuale di sceneggiatura: l'eroe riluttante, la giovane testa calda, la dottoressa dal cuore d'oro, l'amazzone, il veterano burbero ma buono etc. Pochissimi i guizzi degni di una produzione firmata da Spielberg co-prodotta dall'ex Dark Horse Comics Mark Verheiden e scritta dallo stesso autore di Salvate il soldato Ryan.
Si può vedere, insomma, ma da qui alla serie di culto ce ne corre. Ogni martedì su Fox alle ventuno.

5 commenti:

Skull ha detto...

Visto. Concordo sul meh generale.

Lanterna ha detto...

OK. Avevo valutato se vederlo in streaming, ma a questo punto lascio perdere: ars longa vita brevis.

CREPASCOLO ha detto...

Emmerich soffre di poliponi da stress. In gugol confronta le opinioni e poi sceglie di fissare un appuntamento dal dottor Scai. In sala d'aspetto incontra Mark Verheiden e Spielberg che denunciano la stessa sindrome. Scai li visita tutti nello stesso momento, senza alzarsi dalla poltrona e senza pretendere che si levino la canotta della salute. La sua diagnosi : livore perchè nessuno centra il loro nome in rete al primo colpo ( ne soffrono anche Rosenzweig,Sienkiewicz e Raskolnikov ) - nel momento in cui la smetteranno con le menate ( come direbbe Finardi ) , la gelida manina tentacolata che stritola le loro frattaglie farà la fine della carriera di Marina Occhiena. Roland esce nel crepuscolo deciso a cambiare il suo nome in Rollo Rompicollo, ma Steven gli ricorda che è l'eteronimo italico di Bugs Bunny. Crisis ! Il papà di E.T. è tanto dispiaciuto che regala al regista di catastrofi il nome Freakazoid, permettendogli di aggiustarlo in Freak Antoni. A quel punto incrociano la ex bionda dei Ricchi e Poveri ( ancora bionda ) che stigmatizza come quello sia un nickname già in uso. Non ci sarà santuario per te su Asgard, figlio mio ! come direbbe il mio amico Odino.

saldaPress ha detto...

Concordo al 100%.
E aggiungo al tuo "Come The Walking Dead, con gli alieni al posto degli zombie" il mio "e senza nemmeno avere visto/metabolizzato la prima puntata di TWD che poteva essere una buona cosa da studiare/capire volendo fare un bel progetto di questo tipo".

Andrea V. ha detto...

Sì. Ed è un peccato mortale, visto il calibro degli autori coinvolti.
Ma sto cominciando ad avere il sospetto che l'insistenza sugli stereotipi rientri in una policy precisa della Fox.
(A parziale discolpa del sig. Murdoch, comunque, aggiungo che anche "La guerra dei mondi" versione Spielberg mi era sembrato una bella stronzata, ma vabbe').