lunedì 10 gennaio 2011

Breathless Fretless


Il basso di Mick Karn slappa e slideggia nell'alto dei cieli, ahinoi.
(E in più mi tocca ricomprarmi Oil on Canvas. A chi cazzo l'avevo prestato?).

2 commenti:

LUIGI BICCO ha detto...

Ciao Andrea.
Ho dovuto, purtroppo, ricordare anche io sul mio blog la scomparsa di Mick.
Mi fa piacere sapere che c'è stato anche qualcun altro.

E non si prestano i dischi dei Japan.
In realtà non si dovrebbe prestare nessun disco in generale :)

Un salutone.

Andrea V. ha detto...

È vero. Parole sante.
Al massimo, se il cuore lo concede, si regalano.
(Ma è un errore che con i fumetti non faccio).