martedì 7 settembre 2010

Mi ricordo "Caballero"



La moto e la rivista.
Più la rivista, però.

6 commenti:

CREPASCOLO ha detto...

Esiste nella nostra lingua parola maggiormente eufonica di quattordicinale ? In questi tempi scellerati in cui nessuno ha più problemi, ma lamenta solo problematiche ed è accettabile startappare o randomico è rincuorante sapere che nel multiverso, da qualche parte, esiste lo spazio mentale per concepire una attesa di due settimane. In montagna, l'acqua non è uscita dal rubinetto per due minuti ed ero già al telefono con il sindaco, pretendendo una assemblea straordinaria della giunta. Stavo dettando l''ordine del giorno quando ho sentito sciacquattare Crepascolino nella sua vaschetta da bagno ed ho dirottato la conversazione sull'annosa questione delle comunità montane, ma sto divagando.

Adoravo Gabriella Giorgelli.
Avevo letto una bio di Brian Keith - immortale mascelluto zio di bisbetici nipotini lentigginosi in un serial patinato che ha cariato i miei pomeriggi di bimbo bisbetico e lentigginoso - in cui il caratterista spiegava che Lella era stata scelta nel ruolo della protagonista al fianco di Brando nel sottovalutato, controverso, cult ''Riflessi in un occhio d'oro '', battendo in volata Natalie Wood e Julie Newmar.
Pellicola nata sotto i peggiori auspici - il ruolo di un ufficiale che trascura la moglie perchè attratto morbosamente da un milite che cavalca nudo nel crepuscolo ( Brian era l'amante della trascurata )aveva spaventato Clift e Mitchum. Solo Marlon accettò l'offerta di Huston, secondo Keith perchè stava accarrezzando l'idea di comperare l'arcipelago di fianco a quello che aveva già e gli occorrevano liquidi.
E si arriva a pochi giorni dalle riprese - la Giorgelli è un Brando in gonnella: genio e sregolatezza.
E'ospite del maniero in cui vive il regista ( ''vivevo già come una degli Addams '' dirà qualche anno dopo la figlia ), ma non riesce a farsi spedire i quattordicinali di Kriminal e Satanik di cui è ghiotta come Marlon di qualsiasi cosa lontanamente commestibile. Comincia a dire che la sua caratterizzazione dovrà molto a Gloria o Marny o qualcuna delle altre Magnus Girls e pretende gli albi. John non apprezza i capricci e la protesta. Al suo posto Liz Taylor che, con la sua leggendaria performance, anticiperà la Orietta Berti fetish dei seventies.
Un gossip di qualche anno fa dava la Giorgelli al lavoro in un peplum intitolato Random il barbaro ( la storia di un guerriero errante ), ma non se ne è saputo più nulla. Peccato.

michele petrucci ha detto...

Crepascolo, ti trovo ovunque!
Cmq quattordicinale è fantastico…

ps… ma andrea… quanti anni hai?

Andrea V. ha detto...

Quattro più quattro come quelli di Nora Orlandi (mi ricordo pure quelli).

CREPASCOLO ha detto...

Grande Nora.
Artista multimediale quando non era di moda saper fare di tutto un po' e poco di tutto.
Italo americana, sposa Joe Orlando, il cartoonist che qualcosa ha dato anche alla prima incarnazione del Daredevil Marvel.
Nora canta tutto il giorno ed il penciller non riesce a concentrarsi ( '' sembra di vivere sotto lo stesso tetto con un fuoristrada 4 x 4 che rantola con il freno a mano tirato '' - il jazz non è per tutti ). Richard ''Trickie Dickie '' Nixon è un loro vicino. Apprezza Nora anche meno di Joe. Lavora di notte ai suoi discorsi radiofonici e la voce della singer lo tedia - accarezza anche l'idea di farla eliminare semmai passasse per Dallas, ma non ne fa nulla perchè è infatuato come un adolescente.
Ray Chandler rielabora il duetto nel suo immortale Nick e Nora, ma questa è un'altra storia.
Joe ritiene che i gags di Lee siano deboli e gli racconta di Nora e del 4x4. Lee finge che la cosa non gli interessi poi complotta con Kirby per creare un fumetto su 4 avventurieri al quadrato che si ritrovano, come di prammatica, in una tempesta di raggi cosmici. Quando anche il pupazzetto della Cosa Canterina ( '' Ben Grimm canta my way '': basta tirare un cordoncino sulla schiena del bambolotto di finta pietra ) ha più successo degli stornelli di Nora ( ancora) OrlandO, la signora pianta marito e New York e si trasferisce a Liverpool dove si mette a dirigere un quartetto di ragazzini con i capelli a caschetto. Vorrebe imporre un repertorio alla Paul Anka, ma John e Paul non ci stanno e la esautorano. Torna nella Grande Mela in lacrime. Nix nel frattempo ha fatto carriera e sta per trasferirsi sul Potomac. Quando Nora gli dice dello sgarro, organizza uno spiacevole incidente autostradale per McCartney.Lennon e soci non demordono e lo sostituiscono con un clone.
Nora (ora ) OrlandI torna in Italia e mette in piedi l'ennesimo gruppo - tra i componenti un implume Marco Ferradini. Travolto dal successo di Teorema, il cantautore vuole lasciare i 4+4. Nora chiama Nix e Ferradini è frazionato da qualche parte nel Naviglio Pavese. Gli altri sette la prendono bene e lo sostituiscono con un giovane Andrea Voglino. Nessuno si accorge della differenza per anni. Ad un concerto, Chuck Dixon - cresciuto a pane e Richard Stark - nota che Voglino muove solo le labbra. Lo ricatta e lo costringe ad occuparsi della Bat-family per anni. Lieto fine ?

Andrea V. ha detto...

Direi di sì.

Belane ha detto...

Ciao! Ho trovato questa pagina cercando informazione della Giorgelli. Attrice bellissima e tanto brava. Mi è piaciuto moltissimo l'informazione di Crepascolo su "Rifflessi di un...". E' meravigliosa. Grazie mille