mercoledì 13 gennaio 2010

Avataridaje


Qualche riga in più su Avatar e sul perché non l'ho gradito quanto sperassi.

P.S.: quello nella foto non sono io, eh. Ci mancherebbe.

2 commenti:

CREPASCOLO ha detto...

Amiamo il fotogramma del film di fianco al post.
Il clone di Ceccherini travestito da Frodo che si maschera da puffo nel salotto dell'appartamento di Roberto Faenza - sullo sfondo si nota la Lucy di terracotta, il contro Oscar del festival del documentario icastico di Miramare Marittima che abbiamo vinto nella storica edizione del '98 in cui Cameron arrivò secondo con il suo cortometraggio in cui faceva ciao ciao davanti al musetto di alcuni squali. Prima o poi Faenza ci restituerà la statuetta.
Abbiamo letto ''qualche riga in più su Avatar '' e ci è piaciuto anche più del film, che non abbiamo visto e che probabilmente vedremo, come al solito, quando tutti gli altri lo avranno imparato a memoria.
'Avatar restituisce allo spettatore solo una frazione delle centinaia di milioni di dollari bruciati nel sogno del creatore di Titanic '' è tanto ma tanto crepascolare. Altro film che non abbiamo visto, per inciso, quello sulla barca e la montagna di ghiaccio.
Un autore dice sempre la stesa cosa - succo di un vecchio racconto buzzattiano - e Cameron prima maniera - nelle parole della critica USA - ribadiva il suo credo ''commie'' in ogni film:
1) il progresso attraverso le macchine è solo sviuppo nocivo
2) il singolo può fermare le corporazioni e la macchina militare.
Il Cameron seconda maniera sposa la concertazione, ma resta fedele alla sua maschera: 1) si può indossare la faccia dell'altro per vedere con i suoi occhi 2) i buoni ed i cattivi sono in tutti gli schieramenti.
Tesi ed antitesi ? nah. Ad ogni modo, è possibile una sintesi.
Tempo tre lustri ed avremo AVA AL TAR- di seguito un abbozzo di trama: Ava è la sorella di un marinaio paraplegico che fa ricorso al TAR quando non le è concesso di prendere il posto del fratello sul novissimo Titanic. Ottiene giustizia, ma quando l'inaffondabile è in rotta di collisione con l'iceberg, Ava è ubriaca fradicia , travestita da puffo blu, ad un rave dei ''sotto rampa '' che si tiene in un stanzetta molto vicina alle eliche. Peccato.

Andrea V. ha detto...

Ti lavo la macchina.
Quando vuoi.