sabato 12 gennaio 2013

Melutto

Bei tempi, quelli in cui le bottane erano solo socialdemocratiche. Ciao Mariangela, e grazie di tutto. A parte "Flash Gordon".

10 commenti:

CREPASCOLO ha detto...

A Natale siamo tutti + buoni ( di solito smonto l'albero a fine febbraio, ma ogni anno batto il record precedente ) e mi permetto di cancellare A parte "Flash Gordon".
La voce della regina cattiva di Biancaneve nel pezzo dei Queen !

andrea voglino ha detto...

Vero. Ma anche il disco faceva caghèr, tolta la title-track.

CREPASCOLO ha detto...

Il genio deve arrivare cinque minuti prima, non con decenni di anticipo. Se il John Carter della Disney avesse avuto una canotta con il logo " il John Carter della Disney " e se le scenografie avessero tanto ma tanto ricordato i fondali di cartapesta del Saturnino Farandola con Mariano Rigillo, la pellicola non avrebbe incassato una somma che sarebbe entrata su di uno scontrino della Rinascente quando Mariangela era in cassa negli anni della 128 abarth. Forse.

ersistin ha detto...

Oooohhhufff, crepascolo. Che prosa pesante. Il genio gioca a dama. Se Gioncarter avesse indossato la canotta con il logo dei Queen sarebbe stato così postmoderno da scorticare vivo Wallace (che però, ahime, già non c'era).

CREPASCOLO ha detto...

Se fosse ancora in giro Wallace avrebbe scritto una rece al vetriolo del Carter Disney ( che prima o poi sarebbe stato un quarto di una antologia nice price, almeno da noi).
Il genio gioca a dama e non a scacchi , secondo Poe, perchè è + complicato vincere ripetendo la stessa mossa. Non so.
Io sarei andato a vedere un film intilato Gioncarter , se il protagonista avesse avuto una canotta con il logo dei Queen.
Gioncarter avrebbe giocato a dama con la Vita. I critici avrebbero adorato una prosa così pesante. E la Disney ne avrebbe ricavato uno zilione di gadgets. Peccato.

ersistin ha detto...

I critici adorano la prosa pesante perché è l'unica ad essere loro familiare. Leggeri di tocco, come passetti sull'acqua, preferisco. Wallace avrebbe scritto una rece (brutta abbreviazione) alla maniera di un gentiluomo vittoriano in visita ai Papuani, come quello che fece dagli AVN Awards di Las Vegas. E dato il soggetto, il cortocircuito sarebbe stato delizioso.

Bravo per Poe, ma era un codice per te, non dovevi essere così palese.

CREPASCOLO ha detto...

Bravo per familiare ! Il dizionario permette, giustifica e tollera famigliare, ma è una soluzione che non ho mai sopportato. Io sono di una generazione che dice e scrive calcolatore elettronico in loco di computer. Ora che ci penso anche i miei genitori ( che hanno l'età di Allen , Baudo e Berlusconi ) dicono e scrivono computer. Io sono un vecchio che scrive in loco e potrebbe scrivere palese. Termine che mi è comunque familiare. Buona serata.
PS ricordo il pezzo di Wallace, ma mi è piaciuto meno di quello in cui racconta di quando segue la campagna elettorale di un candidato repubblicano.
E' comunque una tragedia il fatto che abbia raggiunto Poe così presto

CREPASCOLO ha detto...

Ma il mio omonimo non dorme né lavora mai? La Telecom va a picco per quello come te, mi sa...

CREPASCOLO (quello vero) ha detto...

Uè, ma io non ho mai fatto il commento qua sopra!! C'è un usurpatore??

CREPASCOLO ha detto...

Cari Crepascolo ha detto e Crepascolo ( quello vero) , avrò dormito cinque minuti negli ultimi cinque anni, ma è stato un tragico error, come canterebbe Elio, perchè un usurpatore mi ha scippato la Telecom di sotto e, se non ricomincio con la mia quotidiana overdose di caffeina, il tizio si papperà anche la FIAT.