lunedì 29 aprile 2013

Pedalino Stagionato


Eric Clapton ha trovato un titolo ideale per il suo ultimo, ehm, lavoro discografico - la canonica collezione di "cover dedicate ai brani della mia gioventù"che segna la carriera di quelli che musicalmente non hanno più un cazzo da dire, ma necessitano argent de poche.
Il disco è argutamente titolato Old SockVecchio calzino, perché Clapton è autoironico, ah ah ah, e ovviamente è la solita pippa à la slowhand, che parafrasando l'immenso Zappa potremmo sottotitolare altrettanto argutamente A small eternity with Eric Clapton.
Contestualmente, Clapton trova anche il tempo di aggiornarci sul fatto che in realtà i Led Zeppelin non gli sono mai piaciuti.
Eric, potevi dirlo trent'anni fa, quando Jimmy Page & friends ti avrebbero cancellato dalle carte geografiche a calci nel sedere.
Eric, ecchiccazzosenefrega. Metti su When The Levee Breaks e pèèèntiti, misurando la distanza siderale fra una cover e una Cover, un fighetto e un Chitarrista, un pallone gonfiato e un dirigibile.
Eric, gli Dei del rock ti castigheranno a dovere in separata sede, e con raffinatezze di crudeltà. Io ti mando la Tessera. Per posta aerea. Via Zeppelin.


2 commenti:

Alessandro Olivo ha detto...

forse non sei molto aggiornato sui recenti lavori di Clapton: dimentichi il precedente album live con Wynton Marsalis e la Jazz at Lincoln Center Orchestra. Altro che bollito! Ascoltare, please, senza pregiudizi! "Musicalmente non ha un cazzo da dire"? Senti: se te la sei presa solo perché ha espresso un giudizio sui tuoi amati Led Zeppelin, beh... non serve, per questo, smerdarlo poi su tutta la linea..
E comunque: senza i Cream, i Led Zeppelin erano ancora lì a cercarsi...

andrea voglino ha detto...

Mmm. Mettersi a scimmiottare B.B. King su roba freschissima come "Layla" non mi pare un gran sintomo di vitalità creativa. Quant'è che manolenta non tira fuori qualcosa di nuovo ed eccitante? Troppissimo. E poi ci hai ragione, la lesa maestà Zeppelina la considero un'aggravante.