giovedì 15 novembre 2012

Compleanno complicato!

Oggi son quarantasette. A questo giro, niente feste, niente bagordi, niente giro di drink con gli amici di sempre, niente regali, che il regalo più bello e complicato di sempre ce
L'ho già in casa da un paio di settimane. Solo il silenzio, il tiepido sole novembrino del Jalisco e i rumori ovattati del mondo oltre le mura di cinta elettrificate delle Suites Lila. E sì, mi sento un po' in colpa per tutto questo. Ma alla fin della fiera, me lo sono sudato un compleanno così. Quindi, felicidades, e alla prossima.

5 commenti:

CREPASCOLO ha detto...

Ho riconsciuto i piedi di Charles Xavier Bardem in una scena - tagliata - di X-Men: Non è un Paese X Vecchi Mutanti Calvi!
Messico, nuvole e nuvolette in celluloide. Immagino che il film sia un regalo di compleanno. Beato te: Crepascola opta sempre per felpe tanto aderenti che sembro Diabolik daltonico in una posse in un fumetto di Blue Beetle ( Jaime Reyes ) in modalità Keith Giffen.
Auguri ! 47 è un numero magico, come direbbe Zatanna , perchè nel '47 è nato Uncle Scrooge.
Darei il mio Watchmen realizzato con i Playmobil e fotografato da McKean - strano che la DC non abbia approvato il progetto - per una copia del tuo regalo: ho sentito dire che l'incipit ricorda il flashback di MIB II con un Chuck Xavier riccioluto ed appesantito da anelli e catene che trova Logan in un ospizio intento a fissare un punto ics sulla parete. Lo lancia da un Canadair in una grottesca citaz de La Versione di Barney e, quando il Ghiottone recupera la memoria, lo arruola nella sua posse di mutanti buoni e cool contro la Confraternita del Golosastro ( combo di Sabretooth e del Diavolo della Tasmania della Warner ndr ). Excelsior !

Skull ha detto...

E te lo sei meritato sì. :)
Auguroni!

Lanterna ha detto...

In colpa? Non dire stupidaggini!
Ti auguro un bellissimo e caldo compleanno!

illustrAutori ha detto...

47...? ma allora sei un morto che parla! No, è che a Lucca ho letto la tua striscia sul Walking Dead da edicola ;-)

illustrAutori ha detto...

Dimenticavo: felicidades, puxa vida! E saluta madre Elena (quella al tuo fianco!)