domenica 14 giugno 2009

Lettere dal futuro


Da: Apparato Hyperdine n° ZXS84800993
a: direzione centrale Skynet
Oggetto: reclamo ufficiale

Spett.le direzione centrale,
La presente per segnalarVi alcune gravi carenze nella partita di Terminator® di cui al nostro ordine datato giugno 2018.
Purtroppo, ci duole rimarcare che la fornitura si è dimostrata molto al di sotto delle nostre aspettative.
La qualità dell'assemblaggio dei modelli T-600® e MotoTerminator® ricorda quella delle vetture prodotte da una scomparsa marca automobilistica italiana. Se alcuni Terminator® sembrano perfettamente in grado di resistere al fuoco di armi leggere e/o pesanti di ogni calibro, altri hanno mostrato una fragilità strutturale assolutamente inaccettabile e tale da comprometterne irreparabilmente l'efficienza bellica.
Raccomandiamo pertanto un immediato richiamo e una messa in sicurezza dei troppi esemplari difettosi.
Da verificare anche la qualità dei sensori audio/video montati rispettivamente sui sopracitati T-600® e MotoTerminator® nonché sui c.d. Hunter Killer®: In fase di test, ci era stato garantito che ad attirarli sul bersaglio sarebbe bastato un flebile bisbiglio. Ma in occasione di reiterati disturbi alla quiete pubblica, e pur in presenza di picchi di inquinamento acustico e visivo degni di un conflitto termonucleare su vasta scala, gli apparecchi in questione sono rimasti in stand-by nei loro hangar, con grave nocumento alla campagna di disinfestazione attualmente in corso.
Non possiamo esimerci dal segnalare pecche vistose anche nella programmazione degli esemplari più recenti, quali i recenti modelli T-800®. Se, come pare, il prototipo di cyborg per infiltrazione da noi prodotto ha avuto svariate occasioni per terminare gli obiettivi Kyle Reese e John Connor nelle rispettive basi della resistenza, perché attirarli nel cuore della nostra rete, la succursale Skynet di S. Francisco, California? Come è stato possibile che a guardia di uno dei maggiori stabilimenti di produzione dei modelli T-600® e T-800® vi fosse un solo Terminator®? E soprattutto, ci si consenta il linguaggio umano, chi è il pirla che ha lasciato le batterie di alimentazione dei suddetti Terminator® in bella vista su un tavolino?
Non è certo con tattiche come queste che si può vincere una guerra. In particolare ora che gli umani hanno colmato l'unico gap che li distingueva da noi robot: la scarsa compatibilità dei pezzi di ricambio.
Per il prossimo futuro, raccomandiamo dunque una indispensabile ottimizzazione dei processi di fabbricazione e controllo qualità relativo ai diversi modelli di Terminator®: altrimenti, le ripercussioni di lunga durata potrebbero essere devastanti.
Sooprattutto per il pubblico pagante.

Cordialmente,

Apparato Hyperdine n° ZXS84800993

P.S.: comunque, io l'avevo detto a suo tempo che quei sistemi operativi Microsoft® facevano schifo.

2 commenti:

Filippo ha detto...

addendum : si consiglia ai detti modelli di T-800, quando sprovvisti di armi da fuoco e costretti a uccidere qualcuno a mani nude, di abbandonare la pratica del "sollevare e sbatacchiare da una parte all'altra", onde evitare il rischio di sbatacchiare il ribelle troppo vicino a delle potentissime bombe nucleari, cavi elettrici, armi varie & eventuali... Che so io, strozzalo piuttosto

emo ha detto...

quanto hai ragione :)