mercoledì 18 gennaio 2012

C'era una volta Robert Carlyle

Tipo al venticinquesimo del primo tempo del primo episodio di C'era una volta mi viene come un petrificus totalus e sprofondo nel profondo fondo di un sonno inquieto misto risvegli bruschi e crampi da volo intercontinentale. Capita, quando ti abbiocchi sul divano. Nel frattempo, ho visto cose che voi umani. Perché il bello spunto intravisto nei trailer, cioè fiabe classiche in versione mishmash perturbante modernizzata in chiave jung-noir, che sulla carta funzionava benissimo, sullo schermo non funziona un cazzo. Colpa dei costumi da Melevisione, degli effetti digitali orendi e di un cast ricco ma malamente assemblato. To add insult to injury, Robert Carlyle nel ruolo di Tremotino: come assegnare il ruolo di Gandalf a Nanni Moretti. E, Robert, va bene fare il cattivo di James Bond, va bene fare il giovane Hitler, ma vederti aggirare nel fantabosco addentando mele avvelenate senza crederci neanche un po' fa proprio male al sospensorio dell'incredulità: la doppia tag con annessa iscrizione all'Albo praticamente vien da sé.

3 commenti:

CREPASCOLO ha detto...

Nanni Moretti sarà il cattivo del prossimo Bond. Si chiamerà Romano Stretto ( un omaggio trasparente all' Emilio Largo di Adolfo Celi ndr ). La storia non è male: Stretto è il solito mishmash di oltreuomo vagamente alla nicechedice allevato da un ex simpa della compa in orbace ( che sullo schermo ha il musino simpa di Ken Loach ndr ) che non ha tutti i venerdì da quando è stato colpito da un sanpietrino durante una manifestaz propedeutica ad una Fase Due in qualche provincia dell'impero. Ken il Guerriero sta studiando un golpe borghese ( '' gente satolla che mira solo ad una poltrona multiaccessoriata con cui assopirsi davanti ad una maratona di Futurama ! '' ). Il suo obiettivo è trasformare prima l'Europa e poi il mondo in una copia carbone di quel posto con Montalban ed il sidekick svantaggiato verticalmente. Una Fantasilandia con qualcosa dell'isola del Prigioniero. Il tutto gestito da un governor fantoccio - Moretti, claro que si - che manda tutto a professioniste dell'interazione sessuale innamorandosi dell'immancabile futura Bond-Girl nomata Rumora Difonda ( Nicoletta Braschi ).
De gustibus eccetera. Ho visto un paio di giornalieri e Nanni era cattivo quasi come nel Portaborse. Quando la signora Benigni è legata ad un aereo robot stealth carico di C4 che sta precipitando in un sito nucleare, confesso che ho sperato in un miracolo, ma 007 è arrivato a salvarla. Pazienza. Ho adorato la ''cattiva '' che ricorda vagamente la Strega Varana del Fantabosco ( una sorprendente Antonella Ruggiero ). Per quello che può valere, ho trovato eccezionale Alex Haber nei panni dell'agente con licenza di uccidere ( perchè, dico perchè, non ha stecchito Nicoletta ? ) anche se non gli avrei appioppato il parrucchino di Bozo per allontanarlo dal ciuffo biondo di Craig, ma non si può avere tutto.
Non vedo l'ora che sia nelle sale e spero che non esca in contemporanea a quello con Will Ferrell che non parla americano.

Andrea V. ha detto...

Sì, Strega Varana con Wondrebra.

CREPASCOLO ha detto...

Wonderbrave and the Bald è il nome della nuova serie DC che racconta con una dialettica Sandra-Raimondo o Tex-Carson la storia d'amore tra Lex Luthor e Knockout ( Sventola x coloro che la conobbero non biblicamente nelle tavole del Superboy di Kesel/Grummett/Hazlewood ai tempi della Play Press ). Testi delle sorelle Simone ( Nina vuole farne una sorta di rock opera su carta sulla falsariga del musical di Moore con la Lega dei Gentiluomini Straordinari, ma Gail intende tornare ai fasti dei suoi Secret Six ndr ) e disegni di Celia Calle. Non vedo l'ora di leggerlo.