mercoledì 16 dicembre 2015

Il potere della Forza

Che la gnagna sia con te
Cose che funzionano, cose che un po' boh. Alla fine, quelle che funzionano fanno pendere la bilancia dalla parte giusta, ma senza troppa euforia: perché stringi stringi, questo nuovo capitolo di Star Wars altro non è che un remake aggiornato al format Imax del leggendario primo (quarto?) episodio della serie, un curioso oggetto cinematografico a metà fra l'affettuoso omaggio ai tempi che furono e il diabolico prodotto di marketing realizzato ad hoc per quelli che si erano persi il meglio (leggi: il merchandising) per motivi squisitamente anagrafici. E allora: un bello spettacolone vertiginoso e infarcito di colpi di scena, diversi personaggi riusciti, archetipici il giusto e perfettamente sintonici al grande passato di Star Wars. Splendide creature organiche e meccaniche e digitali perfettamente integrate in scenari dal vivo degni di un Lean o di una Riefenstahl. Una trama molto basica e molto universale, lontana mille miglia dall'inutile, incomprensibile geopolitica intergalattica della seconda trilogia e intessuta di rivelazioni e agnizioni telefonate ma efficaci. E soprattutto, niente Jar-Jar Binks.
Piacerà? Piacerà, e di brutto, soprattutto a chi non ha vissuto i bei tempi dell'epopea originale. Chi invece c'era, si porterà a casa un paio di spunti narrativi che promettono discretamente, almeno un paio di guerrieri stellari forse troppo monodimensionali ma comunque degni di maneggiare una spada laser, un robottino strappabaci che di più proprio non si poteva, qualche facile scorciatoia a livello di script. Ma anche un retropensiero paradossale: la consapevolezza che a livello di ricerca visiva, production design e sperimentazione i tre pur sgangheratissimi Star Wars prodotti da Lucas nel nuovo millennio nel bene e nel male osavano molto più di questo perfetto ma un po' algido e calcolatissimo "The Force Awakens". Incassi stellari in arrivo: Ma per un parere conclusivo, meglio aspettare i prossimi episodi, e nel frattempo godersi i pupazzielli.

3 commenti:

CREPASCOLO ha detto...

Non ancora visto e come papà dell'unico bimbo del mondo - se non consideriamo quelli che cercano di raggiungere questo senza poter contare su un Jedi qualsiasi - che non vuole andare a vedere il film ( " Mai ! " è stata la sua risposta e non vedo margini x mediazioni )non so se mi capiterà di vederlo al cine o in tv, di notte, molto oltre il crepuscolo, a pezzi, il film non io.
Ammetto però di esser colpito dalla Machine dietro il Ghost perchè Crepascola ha pianto dopo aver visto il primo trailer con Solo ed il suo amico ipertricotico che tornano a casa.
Il mio amico ed ex allievo Dan Hipp ha postato nel suo blog una striscia con tre vgnette: nella prima Dan guarda il suo pc, nella seconda Ian e Ciube ( lo so lo so che ora Han e il sio pard hanno il loro bravo nome originale ) dicono che sono a casa, nella terza Dan è ancora davanti al pc, non ha mosso un muscolo , ma è tornato bimbo.
Notevole. Ritornare quel cucciolo con le mani sporche di Bic usata x teleportare i Trasferelli sul teatro della azione che sogna con i Difensori di Gerber /Sal Buscema/ Janson. Per un paio d'ore.

andrea voglino ha detto...

Ma cosa gli ammannite, alla creatura?

CREPASCOLO ha detto...

Credo che sia un mutante. Nel senso Marvel del termine. Anni fa suo zio, cioè mio fratello, gli regalo un Darth Vader delle dimensioni di un Brunetta con spada laser che si accende, snodato quanto un omino di Lego o Playmobil. Alla sua età, x un giocattolo siffatto avrei dato un organo di quelli assegnati in numero pari, ma Crepascolino lo ha sempre usato come " Ghisa " x insegnare il codice della strada alle sue micromachines o allo Humvee delle Tartaninjas - telecomandato e spara tombini, altro giocattolo x cui sarei andato sotto i ferri, rinunciando anche ad uno dei gioielli di famiglia - o alla vettura della Vedova Nera ( senza Scarlet ai volante , però ).
Non crede nella Forza. Nonono. In compenso è la massima autorità planetaria x quanto riguarda picchiatelli in costume delle Big Guns. Conosce e apprezza il lavoro del collettivo Man of Actions e quando non compera obbligazioni subordinate on line ( come fa ? non sa nemmeno leggere qualcosa di + complicato di Ben Ten ) firma petizioni xchè la Dizmarva riconosca ai ragazzi irresistibili qualcosa + di una riga nei titoli di coda di Big Hero Six.
Forse non è mutante, ma un alieno. Come quel tizio che fino a qualche anno fa era famoso perchè portava " le mutande sopra i pantaloni".
'Nuff Said. A parte, buone feste a te ed alla tua famiglia